fbpx

Informazioni Post-Operatorie

Istruzioni post operatorie da seguire dopo l’INTERVENTO CORREZIONE ALLUCE VALGO/METATARSALGIA

L’intervento di correzione Alluce Valgo/ Metatarsalgia sono  “Mini Invasivo” in quanto le correzioni  sono effettuate con piccole incisioni cutanee attraverso le quali vengono inseriti gli strumenti chirurgici che permettono di migliorare la funzionalità del piede.

Ecco alcune indicazioni/consigli da seguire successivamente all’intervento

MEDICAZIONE

Nel giorno delle dimissioni verrà indicata al paziente la data della visita di controllo; nel frattempo, la medicazione apposta successivamente all’intervento deve essere mantenuta asciutta e non deve essere in alcun modo modificata.

DOLORE

Dopo l’intervento, a causa dell’anestesia, il paziente potrebbe avere la  sensazione  che il piede sia “addormentato”, o di intorpidimento e di pesantezza all’arto.
In caso  di dolore successivo all’intervento è sufficiente assumere paracetamolo (es. TACHIPIRINA, EFFERALGAN o altro analgesico a propria disposizione), al dosaggio di 1000 mg (1 gr) ogni 6 ore, 4 volte al giorno. In alcuni casi può essere necessario assumere un anti-infiammatorio (Mesulid, Aulin, Oki, ecc).

Per qualsiasi dubbio è opportuno contattare il proprio Medico Curante o la équipe del Dr. Del Bianco.

A volte per ridurre il fastidio è sufficiente applicare del ghiaccio o stare distesi con la gamba sollevata.

SANGUINAMENTO

Dopo l’intervento il piede potrebbe sanguinare e la medicazione si potrebbe sporcare, in questo caso si consiglia di mettersi distesi con la gamba sollevata e di applicare del ghiaccio.sul piede.

DITA SCURE O BOLLE

E’ normale che le dita diventino scure, queste riprenderanno il loro colore normale entro poche settimane dall’intervento. Se invece si formano delle bolle (flittene) è consigliato coprirle con una garza senza bucarle, nel giro di pochi giorni si riassorbiranno da sole.

GONFIORE

Dopo l’intervento il piede si può gonfiare soprattutto se l’intervento è stato complesso ed ha interessato più dita. Per ridurre il gonfiore si consiglia di mettersi a riposo con la gamba sollevata ed effettuare semplici esercizi di movimento per aumentare la funzionalità del piede.

SCRICCHIOLII

Le piccole fratture chirurgiche generate dall’intervento potrebbero provocare scricchiolii, è del tutto normale e non deve generare preoccupazione.

CONVALESCENZA

La durata della convalescenza può variare da persona a persona ed è strettamente collegata alla tipologia di intervento e al numero di fratture. Di norma sono necessari alcuni mesi prima che il piede recuperi la sua morfologia naturale.

In questo periodo si consiglia di utilizzare una calzatura ortopedica e di camminare facendo attenzione a non affaticare troppo il piede operato.

Si consiglia quindi di camminare , ed in alcuni casi a “sforzarsi di camminare, appoggiando tutto il piede a terra , in modo che , alla rimozione del bendaggio, si possa ottenere il normale ritmo del passo.

CONSIGLI PRATICI:

  • Subito dopo l’intervento è consigliato restare distesi e a riposo per almeno 30 minuti, poi ci si potrà mettere seduti sul letto;
  • Se non si percepisce alcun fastidio, calzando la scarpa ortopedica, si può percorrere qualche passo incrementando la deambulazione nelle ore successive.
  • Per evitare che il piede si gonfi prestare attenzione a non  passare molto tempo in piedi fermi o seduti, Si possono, quindi, alternare piccole passeggiate al riposo (con il piede sollevato).
  • Tenere la medicazione sempre asciutta

Per qualsiasi dubbio, consigliamo la consultazione del proprio Medico Curante o dell’équipe che ha svolto l’operazione.